Rapida Introduzione a Velocity

Velocity è un Template Engine che consente di eseguire il rendering di dati da applicazioni java, mantenendo separato il codice di rendering dal modello dei dati. Tale caratteristica lo rende particolarmente adatta allo sviluppo di applicazione web basate sul pattern MVC, ma la sua flessibilità gli consente di adattarsi a molti altri scopi, come la generazione di codice, la generazione e trasformazione di file XML e l’elaborazione dei flussi di testo. Questo articolo vuole introdurre sinteticamente Velocity Template Language (VTL) e fornire esempi su come utilizzare il framework.

Perché Utilizzarlo

Progettato come uno strumento per la creazione di template di facile utilizzo, Velocity è utile in qualsiasi area di applicazione Java che richiede la formattazione e la presentazione dei dati. Alcuni motivi per utilizzarlo sono:

  • Si adatta a molte aree di applicazione con minimo sforzo.
  • Offre una sintassi semplice e chiara per il designer di modelli.
  • Offre un modello di programmazione semplice per lo sviluppatore.
  • I modelli e il codice sono oggetti separati, che possono quindi essere sviluppati e manutenuti in modo indipendente.
  • Il motore si integra facilmente in qualsiasi ambiente applicativo Java, in particolare con l’utilizzo delle servlet.
  • Velocity consente ai modelli di accedere a qualsiasi metodo pubblico di oggetti dati inclusi nel contesto.

L’ultimo punto è particolarmente importante perchè significa che è possibile utilizzare nei template le stesse classi già implementate nel codice java.

Dipendenze

Per l’utilizzo del solo engine di Velocity richiede l’inclusione di una sola dipendenza nel progetto che, nel caso di Maven, sarà quindi la seguente:

Esistono poi diverse dipendenze a sotto-progetti, genericamente indicati come velocity Tools, che sono principalmente rivolte all’utilizzo del framework con altre tecnologie come servlet, Struts, Spring, etc.

Utilizzo

Il codice base per l’utilizzo del framework è molto semplice e, indipendentemente dalla tipologia di applicazione che si sta realizzando (un semplice applicativo o una applicazione web), le operazioni da eseguire sono sempre le stesse:

  1. Inizializzazione di Velocity (eseguita una volta sola).
  2. Creazione di un oggetto di contesto.
  3. Inserimento degli oggetti (i dati) al contesto.
  4. Scelta del template (modello).
  5. ‘Merge’ del template e dei dati per produrre l’output desiderato.

Relativamente al primo punto Velocity mette a disposizione due opzioni: l’utilizzo di un engine di tipo singleton, ovvero unico per tutta la JVM, o di uno dedicato, ovvero specifico dell’applicazione. In genere a meno di esigenze particolari, come la necessità di condividere la configurazione con altri applicativi nella stessa JVM, è preferibile il secondo modello che consente una maggiore flessibilità.

Il codice che implementa i 5 passi definiti sopra è quindi il seguente:

Si noti che è stato necessario valorizzare la variabile file.resource.loader.path per indicare al framework dove sono posizionati nel progetto i template utilizzati.

Velocity Template Language (VTL)

Attraverso il suo linguaggio di templating Velocity consente di incorporare in modo semplice contenuto dinamico ai modelli di contenuto. Supponiamo ad esempio di voler generare una pagina HTML, la prima cosa che dobbiamo stabilire è il template di pagina e successivamente inserire il contenuto dinamico nei giusti punti del modello. Vediamo brevemente come farlo introducendo le principali direttive del linguaggio VTL.

Variabili

Un primo semplice modo per inserire contenuto nel template è quello di utilizzare variabili. La notazione abbreviata di una variabile consiste in un carattere dollaro $ iniziale seguito da un identificatore VTL. Un identificatore VTL è una sequenza di caratteri che inizia con un carattere alfabetico (a..z o A..Z) seguito da numeri, lettere, trattino (-) o undescore (_).

Supponiamo ad esempio di voler valorizzare dinamicamente il tag <title> della nostra pagina HTML. Creiamo quindi nella directory resources un template base del tipo:

Il valore assunto dalla variabile $site è definito attraverso il contesto Velocity. Si tratta di un concetto fondamentale del framework che consente di trasferire i dati dal layer java a template. Sebbene il programmatore sia libero di implementare una propria specifica classe di  contesto, è consigliabile utilizzare l’implementazione di default VelocityContext,  il cui utilizzo è semplice come utilizzare una normale classe Java Hashtable. Tornando al nostro esempio, per la valorizzazione la variabile $site è sufficiente il seguente codice:

Una volta eseguito il codice l’output prodotto sarà del tipo:

Si noti che il commento #Body Content non compare nell’output generato, in quanto tutti i commenti vengono ignorati.

Oggetti

Altra possibilità è quella di riutilizzare oggetti java già definiti all’interno del programma. Il linguaggio VTL consente di accedere alle proprietà, ma anche ai metodi, dell’oggetto in modo semplice ed intuitivo. Supponiamo ad esempio di disporre di un oggetto Article caratterizzato dalle proprietà title e url:

Una volta generato l’oggetto associato è possibile inserirla nel contesto velocity nello stesso modo visto nel caso di una qualsiasi variabile primitiva.

L’accesso alle sue proprietà all’interno del template avviene in modo semplice attraverso gli identificativi $article.title e $article.url, ma anche mediante $article.getTitle() e $article.getUrl(). Il template diviene quindi:

Mentre l’output generato sarà:

Collection

Una caratteristica importante del linguaggio VTL è quella di poter gestire le Collection e di poter quindi iterare su di esse attraverso la direttiva #foreach(). Anche gli Array sono supportati ma wrappati dal framework in un oggetto che supporta l’interfaccia Iterator. Questo implica che le Collection e per gli Array possono essere utilizzati nei template allo stesso modo: ad esempio è possibile per entrambi accedere ai metodi size(), isEmpty() e get(), oppure utilizzare la notazione [i] per leggere l’i-esimo elemento.

Torniamo al nostro esempio e supponiamo di voler stampare sulla pagina HTML il nome degli autori con un particolare ringraziamento al primo nella lista. Innanzitutto generiamo ed inseriamo la lista degli autori nel contesto Velocity.

Quindi modifichiamo il template inserendo nel body l’iterazione sugli autori utilizzando la direttiva #foreach #end:

Che produrrà il seguente output:

Condizioni

Un’altra utile direttiva di Velocity è #if che consente di includere o meno del testo nell’output prodotto in base al valore assunto dall’espressione di test. In generale tale direttiva assume la forma:

Nelle condizioni di test è possibile specificare direttamente variabili o metodi che ritornino valori boolean, ma anche condizioni di confronto tra variabili oppure congiunzioni (AND), disgiunzioni (OR) e negazioni (NOT) di altre espressioni. Supponiamo ad esempio di voler condizionare la stampa degli autori del blog al fatto che la lista non sia vuota. Il template sopra definito diviene quindi:

Codice Sorgente

Il codice sorgente con tutti gli esempi mostrati è scaricabile qui velocity

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

© 2018 Java Boss - Theme by HappyThemes