Spring Lifecycle

Quando l’IoC container di Spring istanzia un nuovo bean, esso potrebbe aver bisogno di essere inizializzato per assumere uno stato consistente prima di  poter essere utilizzato. Analogamente quando il bean è rimosso dal container potrebbe essere necessario eseguire una operazione di clean up. Di seguito sono descritti i tre possibili approcci che Spring mette a disposizione per gestire il ciclo di vita di un bean.

File di Configurazione

Nel caso in cui il bean è configurato attraverso file xml è possibile utilizzare gli attributi init-method e desptroy-method del tag bean. Ad esempio con la seguente definizione:

i metodo init() e cleanup() sono dichiarati rispettivamente come metodo di inizializzazione e pulizia. Entrambe non devono avere parametri formali nella loro definizione.

Il principale svantaggio di tale approccio è che dalla semplice ispezione del codice non è possibile intuire la finalità dei due metodi.

E’ anche possibile definire dei metodi di default di inizializzazione e clean up validi per tutti i bean dichiarandoli direttamente negli attributi default-init-method e default-destroy-methoddel del tag beans come segue:

IoC container invocherà i metodi indicati, se presenti, per tutti i bean creati e distrutti.

Implementazione di Interfacce

Un’altra possibilità offerta da Spring è quella di estendere le interfacce InitializingBeanDisposableBean. La prima specifica un solo metodo che è invocato dal container a seguito di creazione del bean:

 Analogamente il secondo specifica un metodo che è invocato quando il bean è rimosso dal container:

Il bean che implementa i due metodi avrà quindi il seguente aspetto:
Il vantaggio di tale approccio è che non vi è necessità di specificare i metodi nel file di configurazione XML. Inoltre è particolarmente indicato per la gestione di bean forniti da librerie, in modo che l’applicazione che le utilizza non ha necessità di conoscerne e gestire il ciclo di vita.

Specifica JSR-250

Tale specifica ha l’obiettivo di definire un insieme di annotazioni, che definiscono concetti semantici comuni ed utilizzabili nei componenti Java EE e Java SE, al fine di evitare ridondanze. In particolare Spring supporta le annotazioni @PostConstruct e @PreDestroy. Il bean apparirà quindi come segue:

Tale approccio rende chiaro l’utilizzo dei metodi ma richiede l’attivazione del component scanning. Inoltre decentralizza la configurazione dei bean.

Per l’utilizzo delle annotazioni definite in JSR-250 è necessario scaricare le API della implementazione di riferimento o più semplicemente inserire la dipendenza nel file pom.xml di Maven:

Combinazione degli Approcci

Se molteplici meccanismi per la gestione del ciclo di vita sono configurati per un bean, e ognuno fa riferimento ad un diverso metodo, ogni metodo è eseguito nell’ordine indicato di seguito. Tuttavia, se lo stesso metodo è configurato per più di uno di questi meccanismi, tale metodo viene eseguita una sola volta.

L’ordine di invocazione dei metodi per l’inizializzazione dei bean sono:

  • Metodi annotati con @PostConstruct;
  • Il metodo afterPropertiesSet() dell’interfaccia InitializingBean;
  • Il metodo custom init() dichiarato nell’XML.

Analogamente, l’ordine di invocazione dei metodi per il clean up dei bean sono:

  • Metodi annotati con @PreDestroy;
  • Il metodo destroy() dell’interfaccia DisposableBean;
  • Il metodo custom destroy() dichiarato nell’XML.

Chiusura del Contesto

Se nel fare la sperimentazioni non viene stampato il messaggio di destroy significa che non è stato chiuso il contesto di Spring. Per farlo deve essere fatto il downcast dell’ApplicationContext di Spring a ConfigurableApplicationContext che dispone del metodo close():

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!